Sconfitta immeritata contro il Legnano

 

 

CALCIO BRUSAPORTO 1-2 LEGNANO

Sconfitta casalinga immeritata per la squadra di del Prato, il Legnano vince grazie anche al supporto caloroso dei suoi tifosi accorsi al seguito della squadra e il Brusaporto resta fermo a quota 17.
Il risultato più equo sarebbe stato il pareggio visto il buon primo tempo degli ospiti e la netta supremazia dei padroni di casa durante i secondi 45’ minuti.

Un match deciso anche da diversi errori arbitrali che in una categoria come la serie D non dovrebbero verificarsi.
Nel primo tempo il Legnano imposta il suo gioco e mette in difficoltà in diverse occasioni la difesa di casa con l’uomo più pericoloso Cocuzza.

Il vantaggio ospite arriva dopo 6 minuti, l’arbitro concede un rigore per un fallo in area di Esposito ai danni di Cocuzza. L’attaccante si presenta sul dischetto e batte Gavazzeni.
Il Brusaporto cerca subito il pareggio con Galelli e Spampatti che più volte creano azioni pericolose, ma la difesa di Ragone non sbaglia.
Belotti e compagni ci credono, lottano su ogni pallone e raggiungono il meritato pareggio al 30’ con Zanardini che servito da Archetti batte Ragone, 2 goal in 2 partite per l’attaccante del Brusaporto.
Il Legnano non ci sta. Cocuzza è sempre pericoloso nei pressi dell’area di rigore di Gavazzeni e al 37’ firma una doppietta riportando in vantaggio i suoi. L’azione dell’1-2 parte da una punizione molto dubbia concessa dall’arbitro.
Il Legnano ritorna in vantaggio e il Brusaporto deve ancora rincorrere.
Il primo tempo si chiude così.
Nel secondo tempo entra in campo un Brusaporto determinato a raggiungere il pareggio.

Per i secondi 45’ minuti la partita è gestita dai padroni di casa che non permettono al Legnano di superare la metà campo.
Al 7’ occasione d’oro per il Brusaporto: crossi di Spampatti ribattuto in angolo, corner battuto da Forlani preciso sulla testa di Esposito, Ragone para miracolosamente.

Pochi minuti dopo ancora un’occasione per il Brusaporto con capitan Belotti che di un soffio non porta i suoi sul 2-2.
Il Brusaporto ci crede. Al 11’ azione fotocopia, angolo di Forlani per il colpo di testa di Esposito in area, anche questa volta la difesa ospite riesce a salvarsi.
Brusaporto propositivo, crea molto e gioca bene.
Al 18’ punizione ancora per Brusaporto: batte Forlani, ribattuta, tiro di Galelli che termina alto.
I padroni di casa ci mettono anima e cuore, tutta la squadra è concentrata per raggiungere il pareggio.
Sfortunatamente l’arbitro contribuisce al non conseguimento dell’obiettivo pareggio: al 30’ non vede un fallo di mano clamoroso in area di rigore del Legnano e al 38’ espelle Vitali appena entrato, troppo eccessivo.
Durante i 6 minuti di recupero i gialloblù giocano in un’unica direzione, ovvero verso la porta di Ragone ma il tanto meritato pareggio non arriverà.
Legnano espugna Brusaporto, buon primo tempo per gli ospiti e qualche aiutino arbitrale a favore; rammarico per il Brusaporto, ottimo secondo tempo, peccato per le decisioni dell’arbitro che hanno compromesso l’andamento della partita.