Cancellazione dati & Cloud (sicurezza informatica, iTech 1)

Scritto da il 19 Ottobre 2017

Cancellare i dati non è mai facile, se li si vuole eliminare davvero, e non solo “fare spazio” sul telefono o sul PC. Infatti, il processo stesso di cancellazione, a differenza di altri (come la copia di un dato) è istantaneo, non è strano? Come è possibile che un file, anche grande molti gigabyte, venga eliminato in un istante ma per trasferirlo bisogna aspettare un tempo non indifferente? La risposta è sorprendentemente semplice, in realtà il file non viene mai cancellato, il sistema segna che lo spazio di memoria da lui occupato è libero, ma il file non si muove da lì. Può darsi che in futuro, anzi è sicuramente molto probabile, che sarà sovrascritto da futuri file, ma fino a quel momento, il file sarà recuperabile.

Il che ci conduce alla domanda, come si fa a cancellare un dato VERAMENTE? Bisogna sovrascrivere all’area di memoria associata con dei valori casuali, rendendo così irrecuperabile il tutto. Più facile da fare se bisogna cancellare l’intero disco, più difficile per il singolo file, perché programmi come Word potrebbero avere creato delle copie (oppure il processo di deframmentazione). Consigliamo quindi ai lettori di tenere cifrati i propri dischi (HDD, SDD, chiavette, telefoni), di modo che questi problemi non si porranno più in principio

Allora i dati li metto nel cloud (Google Drive, iCloud, Dropbox, ecc…), così sono sicuro che quando li voglio cancellare sono irrecuperabili! FALSO! Niente di più falso. Sono irrecuperabili per te, ma non certo per il servizio di archiviazione, gli state regalando i vostri dati. Ergo l’utilizzo dei cloud è sconsigliato, o per lo meno lo è per i documenti e file privati.


Le opinioni dei lettori

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi richiesti con *


Continua a leggere

Articolo successivo

APDO Brusaporto 2-2 Montello


Immagine
Articolo precedente

Teddy bear


Immagine

Radio Brusa

Young Station

Current track
TITLE
ARTIST