Digitale Terrestre 2 (mezzi trasmissivi, iTech 2)

Scritto da il 15 Novembre 2017

Nelle telecomunicazioni la televisione digitale terrestre, spesso anche abbreviata in digitale terrestre, è la televisione terrestre rappresentata digitalmente. Da un punto di vista tecnico infatti l’informazione televisiva è un’informazione racchiusa in un segnale elettrico cosi che possa essere rappresentata in forma analogica o in forma digitale.

I segnali analogici sono maggiormente soggetti a disturbi, in quanto il ricevitore non ha modo di distinguere una variazione di segnale dovuta a disturbo da un reale contenuto informativo; viceversa, il segnale digitale è per sua natura immune ai disturbi fintantoché rimangono di lieve entità. Tuttavia, mentre il segnale analogico degrada in modo continuo e, anche se fortemente disturbato, presenta comunque un contenuto almeno in parte comprensibile a un osservatore umano, il segnale digitale, invece, diventa indecifrabile oltre una certa soglia di disturbo e perde qualsiasi valore di informazione.

Il segnale digitale può essere trasmesso in isofrequenza, cosa impossibile da fare nelle trasmissioni televisive analogiche.

Questa tecnica consiste nell’inviare lo stesso segnale sulla medesima frequenza contemporaneamente da più siti trasmittenti sincronizzate. In tal modo diverse antenne con aree di copertura parzialmente sovrapposte trasmettono lo stesso segnale sempre sulla stessa frequenza. L’isofrequenza ha per l’operatore il vantaggio di rendere disponibile un maggior numero di canali, se utilizzata su un territorio ampio che richiede numerose antenne. Consente anche, utilizzato su piccole aree, di installare un ripetitore che migliori il segnale in un’area di scarsa copertura senza che i ricevitori debbano risintonizzarsi su una nuova frequenza.

Lo svantaggio è che, a meno che le trasmissioni siano perfettamente sincronizzate, nelle aree di sovrapposizione dei segnali provenienti da più antenne gli utenti possono avere difficoltà di ricezione.

Il passaggio da analogico a digitale può essere effettuato con la sostituzione del televisore con uno che acquisisce direttamente dati digitali, oppure affiancare alla propria tv analogica un DECODER che acquisisca il segnale digitale e che poi lo proietto nella televisione analogica.

Un’altra difficoltà data dalla trasmissione di segnale è l’antenna di ricezione: le antenne sono quelle già presenti ormai negli edifici da molti anni , mentre per la trasmissione digitale è necessario l’uso di parabole , antenne con una maggiore capacità di ricezione data la maggiore quantità di segnale trasmesso. Le nuove tecnologie hanno portato alla creazione di televisori piatti ultra-sottili con senale digitale (e con anche risoluzioni altissime come il 4k) e hanno portato all’estinzione dei vecchi televisori a tubo catodico ingombranti, enormi e che avevano una risoluzione scarsissima ormai molto al di sotto degli “standard” dei nostri anni.

 

Vi lasciamo infine al link della puntata.
Grazie e continuate a seguirci!


Le opinioni dei lettori

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi richiesti con *


Continua a leggere

Articolo successivo

APDO Brusaporto 2-2 Montello


Immagine
Articolo precedente

Teddy bear


Immagine

Radio Brusa

Young Station

Current track
TITLE
ARTIST