Fantastici, colorati e portafortuna: gli unicorni

Written by on 16 Mar 2018

Fantastici, colorati e portafortuna: gli unicorni sono creature leggendarie il cui arrivo è annunciato da dei campanellini. La mitologia li raffigura, come oramai tutti sappiamo, con un lunghissimo corno a spirale sulla testa e una particolare criniera colorata. Questi animali fantastici esistono nella mente degli uomini fin dal medioevo e, secondo da tradizione, sono dei veri e propri portafortuna tanto che i loro poteri sono addirittura in grado di modificare e migliorare la vita delle persone (come ripreso anche nel primo capitolo della saga di Harry Potter di J. K Rowling dove il sangue di unicorno, proprio per la sua purezza, dona a chi lo bene l’immortalità).

Solo dal 2016 in Italia si è diffusa in maniera esponenziale una vera ossessione per gli unicorni, importata dagli USA e che ebbe inizio con l’innovativa collezione autunnale di Alexander McQueen, il quale ha deciso di ricamare sui capi della sua linea dei particolari unicorni interamente glitterati. Collezione che fece di sicuro grande scalpore e da cui prese avvio la fissa di abbellire accessori, trucchi e tutta l’oggettistica possibile e immaginabile con il disegno di queste creature. Oggi, infatti è possibile osservarli su magliette, cover, oggetti

per la cancelleria, pantofole, tazze, gioielli e gonfiabili. Questa moda, che prende il nome di ‘Unicornmania’ o ‘Sindrome Unicorn’, ha conteggiato un po’ tutti, sia giovanissime sia star internazionali. Infatti, dallo scorso anno, molte star, quali ad esempio Hillary Duff, Demi

Lovato, Christina Aguilera, Lady Gaga, Katy Perry, hanno deciso di interpretare questo stile fatato sui loro capelli, tingendoli con tinte pastello che variano dal rosa al lilla, dal verde al celeste; senza contare le più audaci che creano suggestivi giochi di colori e mix particolari per riprodurre veri e propri arcobaleni. La voglia di ispirarsi ai colorati personaggi di My Little Pony, il cartone andato in onda negli Stati Uniti a partire dal 2010 e che poi ha spopolato in maniera globale, ha contagiato anche il mondo del make-up. Molte case cosmetiche hanno infatti prodotto varie collezioni ispirate a questo magico mondo; tra cui emerge il particolare rossetto di TooFaced nel colore Unicorn Tears che, usato come top coat su un qualsiasi altro prodotto precedentemente applicato, è in grado di rendere le labbra morbide e iridescenti grazie alla sua texture shimmer, e l’originale ombretto illuminante dall’effetto arcobaleno di Bitter Lace Beauty che è andato sold-out

nel giro di soli tre giorni. E anche l’area del cibo è stata investita da questa Unicornmania. Fra i cibi più particolari al mondo, ispirati alle tinte pastello, spicca di sicuro l’Unicorn Frappuccino di Starbucks; bevanda super trendy a base di zucchero, mango, panna montata e vaniglia, caratterizzato dal fatto che cambi colore e sapore durante la degustazione.

Da questa bevanda, che risulta essere uno dei soggetti più amati dal pubblico per le foto sui social, è nata la mania di dipingere anche i cibi con tinte pastello; soprattutto i noodles che possono assumere sfumature rosa- viola grazie all’utilizzo della foglia di cavolo viola e il succo di limone. Gli unicorni sono diventati quindi l’ossessione di un po’ tutte le persone, chi più chi meno, e chiunque è stato contagiato a modo proprio da queste particolari creature, che oramai risultano essere molto più di semplici leggende, ma veri e propri strumenti che permettono di interagire e avvicinare ancora di più tutti coloro che sono stati travolti da questa magica passione. Personalmente penso che gli unicorni siano un po’ il simbolo che ci ricorda di non smettere mai di sognare, perché con fatica e impegno, alla fine potremo realizzare tutto ciò che vogliamo e spiccare il volo attraverso tutti i colori dell’arcobaleno.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


[There are no radio stations in the database]