Le cinque piante più bizzarre al mondo

Scritto da il 18 Aprile 2018

Hai il pollice verde ma sei stanco di coltivare sempre gli stessi fiori? Ti trovi nel posto giusto!
La natura è in grado di stupirci ogni giorno di più con i suoi bizzarri, ma pur sempre meravigliosi, spettacoli. Dai nomi impronunciabili, ecco a voi cinque tra le piante più curiose che esistono al mondo!

 

Haworthia Cooperi

L’Haworthia Cooperi è una pianta grassa molto resistente, perciò adatta anche alla coltivazione in appartamento. Non necessita di particolari cure ma è di grande impatto visivo. Infatti non presenta alcun tipo di fusto ma cresce direttamente da terra creando piccole palline semitrasparenti riempite di acqua. Fiorisce in genere tra la primavera e l’estate e ne esistono moltissime varietà.

 

Rafflesia arnoldii

Questa pianta non è esattamente adatta alla coltivazione ma è una delle più strabilianti che siano mai state trovate. Scoperta nel 1818 in Indonesia, si tratta della pianta con il fiore più grande al mondo: ha un diametro di un metro e può pesare anche 10 kg! Un’altra caratteristica curiosa è il suo fetore che ricorda quello della carne putrefatta. Per queste sue particolarità, è uno dei tre fiori simbolo dell’Indonesia.

 

Vesparia

La Vesparia appartiene alla famiglia delle Orchidee. Il suo nome nasce dalla curiosa forma del suo fiore che ricorda, per l’appunto, un bombo peloso. E’ presente anche in Italia, soprattutto nelle zone collinari e il suo periodo di fioritura si colloca tra aprile e giugno. Se osservata da vicino, sembrerebbe assomigliare a Shrek, il noto orco protagonista dell’omonimo film di animazione.

 

Wolffia

La Wolffia è la pianta con il fiore più piccolo al mondo, che si aggira intorno a 1.3 millimetri di diametro. Si tratta di una specie molto curiosa, capace di adattarsi facilmente ai cambiamenti climatici. I suoi fiori, piccole palline verdi prive di fusti o radici, sono così piccoli in modo che la pianta possa sfruttare al massimo le sue riserve energetiche in ambienti avversi.

 

Psychotria Elata (pianta del bacio)

Come ultima tra le piante più bizzarre in natura, ho scelto la Psychotria Elata, comunemente detta pianta del bacio, perché la trovo estremamente affascinante. La particolarità di questa pianta è il suo fiore, che assomiglia a due labbra rosse e carnose. E’ stata infatti soprannominata ‘’labbra di Mick Jagger’’ perché ricorda il logo dei Rolling Stones. La pianta del bacio cresce soprattutto nelle foreste pluviali, anche se ora è a rischio di estinzione a causa della deforestazione.
Insomma, se volete stupire la vostra amata al prossimo San Valentino regalatele una Psychotria Elata e la lascerete senza parole!


Le opinioni dei lettori

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi richiesti con *


Continua a leggere

Radio Brusa

Young Station

Current track
TITLE
ARTIST