Le olimpiadi in Corea parlano bergamasco

Written by on 12 Mar 2018

“Una stagione infinita, sono stanchissima ma meglio di così non potevo chiedere”, così si racconta Michela Moioli in un’intervista.

Dopo l’infortunio a Sochi nel 2014, Michela è tornata a grandi livelli nello snowboard vincendo un oro meritato alle appena concluse olimpiadi in Corea e conquistando un altro ambito trofeo: la coppa del mondo, con una giornata di anticipo.

Quest’ultimo titolo è arrivato nonostante tanta tensione dovuta al dover ripetere la finale tre volte a causa di problemi tecnici relativi all’apertura del cancelletto di inizio, ma il suo terzo posto, dietro alla rivale francese, è stato sufficiente per diventare la nuova regina dello snowboard.

Ora la giovane campionessa, di soli 22 anni e di Alzano Lombardo, appenderà la sua tavola al muro ma solo per riposarsi e recuperare le forze in attesa affrontare nuove gare e continuare a regalarsi emozioni come queste.

Bergamo è stata la protagonista di queste olimpiadi, che ha visto trionfare in discesa libera Sofia Goggia, la quale dall’età di tre anni si allena sulle piste di Foppolo, regalando una medaglia al femminile che non arrivava da troppi anni per l’Italia, che ritrova, così, un posto tra le migliori nello sci. Inoltre la neo-campionessa è ancora in lotta per conquistare la coppa del mondo di categoria nella discesa libera, essendo a 21 punti di vantaggio dalla sua rivale e amica Lindsey Vonn. La gara finale si disputerà tra il 14 e il 18 marzo, quindi tutti a tifare Sofia!

Non solo le atlete bergamasche hanno trascinato quest’Italia ma in Corea anche il made in Bergamo ha spopolato. Infatti la Lisky, azienda di Brembate, ha fornito i suoi migliori prodotti, garantendo qualità dovuta a quarant’anni di esperienza nel settore. Oltre 2700 pali da slalom, caratterizzati dal colore verde fluo che identifica i prodotti Lisky, e tutta la fornitura per la sicurezza sono stati introdotti negli impianti sciistici delle discipline veloci di Jeongseon e Yongpyong e nello snowpark “Phoenix”, segno del monopolio di questa società in tale campo.

La collaborazione con i giochi olimpici di certo non è finita perché, come spiega l’operation manager, Carlo Fernandez, sono già stati avviati i primi contatti con la Cina per Beijing 2022.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


[There are no radio stations in the database]