Michela de Paoli: da milionaria a disoccupata

Written by on 6 Dic 2018

Vi ricordate il gioco televisivo di Gerry Scotti “Chi vuole essere milionario”?.

A distanza di 7 anni dall’ultima vittoria vi voglio raccontare la storia della vincitrice Michela de Paoli, proprio colei che vinse per ultima un milione di euro. Ma prima di iniziare vi spiegherò brevemente il gioco.

“Chi vuole essere milionario” è un programma, ora non più in onda, che consisteva nel rispondere correttamente a 15 domande. Il concorrente utilizzava le sue conoscenze per dare una risposta tra quattro opzioni. Nel caso non sapesse la risposta le opzioni erano due: o tentare.  la fortuna e quindi casualmente dare la risposta oppure utilizzare uno dei tre diversi aiuti messi a disposizione che però poteva utilizzare solo una volta. Nel momento in cui si aveva risposto correttamente alla quindicesima domanda il montepremi era proprio quello di un milione di euro.

Michela de Paoli riuscì a vincerlo nel 2011. La sua vita fu felice per un periodo di tempo. I soldi le arrivarono solamente 6 mesi dopo, ma il milione, dal momento che l’aveva vinto in gettoni d’oro si trasformò in 800.000€ poiché il restante 20% andò allo Stato. Decise di investire i soldi in una casa a Pavia, dove oggi vive con il marito, e aprire anche una gelateria che però ebbe vita breve perché fallì. Infatti la crisi la mise in ginocchio.

A distanza di 7 anni Michela de Paoli racconta di vivere solamente con i risparmi proprio di quella vincita che fortunatamente ha conservato e che le consentono di vivere una vita dignitosa. Lei e il marito sono disoccupati e non riescono a trovare lavoro.

Vi chiederete, perché non tentare la fortuna in un altro gioco televisivo?

Non è la domanda da porre a questa donna: lei ha tentato di iscriversi ad altri programmi ma nessuno l’accetta. Perché? Come Michela afferma “hanno paura delle mie capacità”.

 


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


[There are no radio stations in the database]