Premio Oscar 2018

Written by on 13 Mar 2018

Come la maggior parte di voi saprà, nella notte tra il 4 e il 5 marzo ha avuto luogo la 90esima edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar al Dolby Theatre di Hollywood. Non era facile prevedere chi avrebbe vinto i 24 premi Oscar che sono stati assegnati.
Mentre era quasi certo che “La forma dell’acqua”, il film di Guillermo del Toro, avrebbe portato a casa il maggior numero di statuette con ben 13 nomination, si pensava che quella più ambita l’avrebbe conquistata “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”. Si è rivelato poi non essere così, infatti anche l’Oscar per il Miglior film è stato vinto da “The shape of water”.
A trionfare nella categoria di Miglior attore protagonista invece, come era stato previsto, è stato Gary Oldman che, ne “L’ora più buia”, interpreta Winston Churchill.

Le origini della statuetta
Dopo essere stata fondata nel 1927, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences decise il modo migliore per onorare il cinema e incoraggiare l’eccellenza in tutti gli aspetti della produzione cinematografica. Si scelse quindi di mettere in piedi un premio con cadenza annuale. All’art director Cedric Gibbons spettò il compito di progettare la statuetta: un cavaliere in piedi su una bobina di pellicola cinematografica con una spada tra le mani. Fu invece lo scultore George Stanley ad essere incaricato della realizzazione.

Ma quanto pesa l’ambita statuetta ricoperta d’oro?
Le dimensioni sono state modificate una sola volta, nel 1945, quando venne adottato lo standard attuale: alto circa 35 centimetri, il premio Oscar pesa grossomodo 3 kg e 800 grammi. La statuetta è interamente realizza in bronzo massiccio e placcata in oro 24 carati.

Per quale motivo il premio si chiama in questo modo?
Ufficialmente “Academy Award of Merit”, tutto il mondo lo conosce con il suo soprannome: Oscar. Si racconta che questo nome è dovuto al fatto che dopo aver visto il premio per la prima volta, la bibliotecaria dell’Academy di quel tempo, Margaret Herrick, esclamò: “Assomiglia a mio zio Oscar”.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


[There are no radio stations in the database]