Il primo giorno di scuola

Scritto da il 10 Settembre 2016

3… 2… 1… Buon anno!

Eh… sì, forse ho sbagliato conto alla rovescia, ma in fondo che differenza fa!? Siamo sempre stati abituati a vedere l’inizio dell’anno scolastico come il principio dei nostri problemi e una strada che porta solamente verso verifiche e interrogazioni sempre più complicate. Ma se per una volta provassimo a cambiare mentalità, a vedere il ritorno sui banchi come quando aspettiamo con ansia il rintocco della mezzanotte del 31 dicembre per iniziare a festeggiare. Adesso non dico che tornare ore e ore sui libri sia divertente, ma comunque se riuscissimo a paragonarli forse il trauma non sarà così pesante. Pensateci… confrontate il primo giorno con le 23.50 dell’ultimo giorno dell’anno. In entrambi i momenti infatti siamo pieni di aspettative, la nostra mente lavora alla velocità della luce per fare un elenco di tutti i propositi che vorremmo raggiungere e di tutte le possibili avventure che potremmo dover affrontare. Se poi in quel momento si aggiunge anche un po’ di ansia è normale, in quanto rimane comunque un’esperienza della quale sappiamo ancora poco a causa dei vari cambiamenti legati sia ai professori che agli eventuali nuovi compagni e al programma di studi. Sicuramente è una sfida che ci porterà a tener testa a prove più o meno difficili, come esempio i tanto attesi esami finali. L’importante però è non abbattersi fin da subito, ma restare sempre convinti di ciò che possiamo fare. Quindi forza ragazzi, siamo al primo giorno, ma sicuramente le settimane voleranno e senza rendercene conto saremo già a Natale, poi arriverà Pasqua e dopo un altro battito di ciglia le prossime vacanze estive saranno già iniziate.

Non mi resta che fare un grosso in bocca al lupo a tutti!


Le opinioni dei lettori

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Campi richiesti con *


Continua a leggere

Radio Brusa

Young Station

Current track
TITLE
ARTIST